La Tavernetta, Chiang Mai Thailand

La filosofia dello chef e del ristorante

homeimage-spagetti

Lavorare le materie prime ed arrivare al prodotto finito, e mantenere freschezza e qualità.

Per semplificare, mi piace lavorare con prodotti freschi. Mi piace iniziare a lavorare da zero – proprio dalle materie prime, al prodotto finito proprio come come facevano le antiche generazioni.

A mio parere, uno chef deve essere un esperto di prodotti e di essere in grado di riconoscere le differenze, in modo che quando un cliente chiede qualche spiegazione sui piatti ed I prodotti. Lo Chef può dare tutte le più ampie informazioni dettagliate sui piatti senza alcuna esitazione.

Per iniziare a diventare uno Chef, ci sono due elementi essenziali: il talento e la passione. Queste due cose non si possono apprendere giorno per giorno come si l’esperienza, che è una cosa diversa. La passion ed il talento, o si hanno o non si hanno. Quindi bisogna amare realmente se si decide di intraprendere questa arte culinaria.

Mi ricordo quando ho incontrato Walter Eynard, il grande chef a 2 stelle Michelin. Mi disse che per fare una ottima pietanza, non si ha bisogno di ingredienti costosi, per esempiocome il caviale Beluga o l’aragosta blu della Normandia. Il grande piatto è composto da ingredienti semplici e poi il talento e la passione dello Chef che riescono a trasmettere al cliente la grandiosità della pietanza. Grazie caro Walter. Sei il migliore tra tutti gli Chef con stele Michelin che ho mai incontratoTu sei sempre il più grande mentore, e resterai sempre nel mio cuore.